top of page

Barcellona P.G.: l’On. Galluzzo chiede la riconversione dell’ospedale Cutroni Zodda

L’on. Galluzzo ha chiesto alla Regione e all’Asp la riconversione dell’ospedale Cutroni Zodda in presidio di base: la difficoltà è reperire i medici.


Il deputato regionale di Fratelli d’Italia, Pino Galluzzo, ha scritto al Presidente Renato Schifani e al Commissario straordinario dell’Asp di Messina Bernardo Alagna, per chiedere di valutare nell’immediatezza la riconversione dell’Ospedale “Cutroni Zodda” di Barcellona da Covid Hospital a Presidio di base, così come previsto dal Decreto della rete ospedaliera.


Come già dichiarato nei giorni scorsi, ribadisce come il motivo che fin qui ha frenato l’attuazione del piano ospedaliero sia la difficoltà di trovare medici specializzati che scelgono di operare in un ospedale di provincia, con un bacino d’utenza ridotto, piuttosto che in un presidio di una città capoluogo, con un’attività professionale più gratificante e, aggiungiamo, un riscontro economico molto diverso.



Le dichiarazioni dell'On Pino Galluzzo

«È opportuno sulla questione aprire un confronto con la cittadinanza attraverso tutte le parti interessate, dall’Amministrazione al Consiglio comunale, insieme al Comitato per l’Ospedale “Cutroni Zodda”, alle sigle sindacali, la deputazione regionale e nazionale, così da individuare, tutti insieme, le possibilità e le strade da seguire.


Troppo spesso si dimentica come il personale dell’ospedale di Barcellona sia riuscito a dare un contributo eccezionale durante il periodo devastante di pandemia, salvando tante vite umane e facendoci sentire per questo tutti orgogliosi. Il riferimento è all’attività sperimentale sulle cellule monoclonali, che sono state utilizzate proprio nel reparto di malattie infettive della città del Longano. Sento anche questo motivo il dovere di ringraziare tutto il personale sanitario, a tratti a dir poco eroico.


La limitazione imposta alle iscrizione presso le facoltà di Medicina in questi anni ha ridotto il numero di medici disponibili ed i pochi che scelgono di restare in Sicilia preferiscono le grandi città ai piccoli centri come Barcellona Pozzo di Gotto. Occorre sbloccare questa situazione con una modifica sostanziale delle legge Barduzzi e l’eliminazione del numero chiuso nei corsi di laurea in medicina, come annunciato già tra gli obiettivi del Governo Meloni».

Commenti


bottom of page