top of page

Basile, apertura campagna elettorale. "Sono l'unico che può fare il sindaco"



Messina - Mezza Piazza Duomo piena ieri sera per l'apertura ufficiale della campagna elettorale per il candidato sindaco di Sicilia Vera, Federico Basile.

Tra musica e comizi, in scena le due anime di questo schieramento: il garbo quasi timido di Basile e l'ormai nota potenza comunicativa di Cateno De Luca.

Il primo a salire sul palco è stato l'aspirante alla poltrona di primo cittadino.

“Il 14 febbraio – ha esordito -, quando Cateno De Luca è venuto a casa mia, non mi conosceva nessuno e qualcuno disse: Basile? Ma chi è questo Basile?”. Oggi, sondaggi alla mano, qualcuno forse incomincia a preoccuparsi”.

Poi si è presentato: “Federico Basile sono io: un messinese al 100 per 100”, “sono un padre di famiglia con una moglie e due figli”, “poi sono incensurato”.

Riferendosi alla sua candidatura e agli avversari: “Noi siamo qua in piazza perché non abbiamo nulla da nascondere. Perché sono gli altri che hanno qualcosa da nascondere e perché non abbiamo nulla di cui vergognarci. Perché Cateno De Luca in questa battaglia non è dietro di me a muovere i fili: è accanto a me, è candidato con me nelle mie liste. Sono orgoglioso di avere un candidato eccellente come Cateno De Luca e sono gli altri ad avere qualcuno alle spalle”, “qualcuno che magari non ha fatto del bene per questa città, o magari qualcuno che era impegnato a cercare una soluzione per non essere condannati”. “In questi anni forse si erano nascosti” e “ora che hanno capito che la città è cambiata - perché l'abbiamo cambiata! - e stanno arrivando un sacco di finanziamenti, sono usciti dalla tana”.

E ancora: “Non c'è più una destra e una sinistra”: “abbiamo un candidato del centrodestra che stato assessore del Governo di centrosinistra” e “abbiamo un candidato di centrosinistra che non so bene neanche io che cosa rappresenti: un'armata Brancaleone in cui ci sono pacifisti e guerrafondai, o meglio, soggetti che in questi anni hanno portato l'ambientalismo a quelli che vogliono portare il gas a Pistunina”.

“Questa città non è stata isolata da Cateno De Luca: è stata isolata” “da chi non l'ha saputa governare”.

Poi, sul suo impegno di candidato: “Cateno De Luca il sindaco lo sa fare e a me lascia un'eredità pesantissima”, “ci lascia un'eredità importante in termini di programmi, in termini di finanziamenti, in termini di nuova visione della città” e lascia una squadra di assessori che “all'indomani, dal giorno dopo, i miei assessori, appena accenderanno il computer, sapranno già cosa fare, come fare e dove devono andare”.

Concentrandosi su quella che poco prima ha definito “l'eredità” lasciata dalla precedente Amministrazione: “Qualcuno ha detto: “in questi anni si è fatto poco e quel poco che si è fatto, si è fatto male”. “Allora qui c'è un problema: o chi parla non vive a Messina, o chi parla non ha la minima idea di cosa voglia dire amministrare una città”.

E da qui ha passato in rassegna l'operato di De Luca: “in tre anni abbiamo fatto tante di quelle cose che in trent'anni non si sono neanche immaginate”, dal trasporto pubblico con un parco autobus incrementato; l'illuminazione pubblica; la raccolta differenziata al 55 per cento; il risanamento finanziario, passando da 552 milioni di euro di debiti ai 141 milioni, abbattendo il debito del 70 per cento e risalente al 1985, consentendo di liberare somme: “dal 2023 questo Comune avrà 20 milioni di euro da spendere”; il risanamento delle baracche e “noi siamo la prima città d'Italia che ha ottenuto 151 milioni con il progetto “Qualità dell'abitare” per far risorgere quelle zone”.

Sul lavoro, ha sottolineato che è un tema che sembra esserci solo in campagna elettorale “con strane selezioni del personale” e “lo stiamo vedendo cosa sta succedendo nella sanità messinese”, riferendosi ai dubbi sollevati da De Luca sul concorso per figure amministrative all'Ospedale Papardo. “Qualcuno dice che siamo più sinistra della sinistra: noi al Comune di Messina abbiamo stabilizzato tutti i precari” e assicurando per il futuro più di mille assunzioni.

E poi, i 71 milioni per il polo di eccellenza tecnologica che sorgerà presso gli ex magazzini generali; i 25 milioni per la forestazione urbana; i 55 milioni per creare la cittadella dopo di noi.

“Queste risorse che arriveranno, creeranno posti di lavoro, quei posti di lavoro che la politica non ha creato”.

Sull'affaccio a mare, altro argomento elettorale, Basile ha parlato degli investimenti per oltre 200 milioni, di cui già finanziati 18 milioni per il tratto tra il cavalcavia e la zona del vecchio macello. E per il futuro ha immaginato un'arena della falce, una struttura nell'area ex Sanderson, la valorizzazione dell'ex Sea Flight che dopo 40 anni verrà abbattuto.

Sui quartieri: “Noi abbiamo rilanciato le Municipalità e da queste dobbiamo ripartire”.

Avviandosi alla conclusione: “In questi tre anni e mezzo si è fatto tanto, si è fatto tantissimo, ma bisogna fare altrettanto, bisogna fare di più. Dobbiamo farlo con un Consiglio Comunale completamente rinnovato, senza freni a mano”.

E salutando: “Io sono qua perché rispondo a voi” e “sono l'unico che può fare il sindaco di questa città”.

Dopo, sul palco sono saliti i candidati delle nove liste, soffermandosi di più l'ultima, “Prima l'Italia” di Nino Germanà, essendo questa l'occasione della presentazione ufficiale e con il saluto di Vittorio Sgarbi che, con un video, ha dato il suo appoggio.

Successivamente, l'intervento di Cateno De Luca che ha illustrato gli obiettivi di queste elezioni: vittoria di Basile al primo turno; premio di maggioranza; superamento del 40 per cento in Consiglio, diventandone lui stesso il presidente.

Tra gli attacchi in pieno stile De Luca, ha puntato il dito sull'attuale Consiglio comunale, reo, a suo dire, di non essersi voluto confrontare con l'Amministrazione. A Croce ha rimproverato di avergli scagliato contro tutti i vertici di Forza Italia, Berlusconi compreso, per le presunte battute sessiste contro la deputata Matilde Siracusano, smentendole, ancora una volta.

E, infine, non poteva mancare la sua esibizione canora.



Comments


bottom of page