top of page

Calcio: una straordinaria Nuova Igea Virtus schianta l'Akragas e si aggiudica la Coppa Italia

La doppietta di Idoyaga e le reti di Franchina e Medina, regalano la prima storica Coppa Italia alla Nuova Igea Virtus. Con questa vittoria ottiene, oltre al trofeo, il pass per la fase nazionale.

Vittoria storica per i giallorossi di mister Ferrara, che con un pirotecnico 4 a 0 all'Akragas, conquistano la Coppa Italia di Eccellenza. La partita ha visto una sola squadra in campo, un'Igea dominatrice per tutti i 90 minuti, una delle più belle partite, se non la più bella della stagione fino a questo momento.


Gli avversari Agrigentini hanno recitato il ruolo da spettatore non pagante, in poche parole, inesistenti. Gli uomini di mister Terranova, forse sorpresi dal cambio di modulo igeano, hanno resistito solo un tempo, per poi crollare nella ripresa sotto i colpi di Idoyaga, Franchina e Medina.


Igea che mostra più voglia e più cattiveria già dai primi instanti, al 6’ Lucas Idoyaga ci prova dai 25 metri, ma l’estremo difensore agrigentino, Elezaj blocca sicuro. All’8’ su una rimessa sbagliata dal portiere, l’Igea sfiora il vantaggio con Flores, che a tu per tu con l’estremo difensore calcia clamorosamente a lato. Dopo una fase di stasi, dove l’Akragras sembra aver trovato le giuste contromisure ai giallorssi, è Bucolo a sfiorare il vantaggio igeano calciando da posizione favorevole, ma in equilibrio precario, manda la palla in orbita. Al 34’ è il turno di Biondo, ma la sua punizione viene respinta da Elezaj. Al 41’ arriva il meritato vantaggio Igeano con il “solito” Lucas Idoyaga che calcia di prima intenzione col destro sotto l’incrocio, settimo gol in Coppa per lui ed è 1-0. Al 43’ arriva il raddoppio, ma l’arbitro, su segnalazione del primo assistente, annulla la rete a causa di un fallo di mano di Idoyaga.


Secondo tempo che inizia seguendo la falsa riga del primo, cioè, Igea padrone del campo e Akragas non pervenuta. Bastano tre giri d’orologio per il raddoppio giallorosso, grazie al gran gol di Gabriele Franchina che con una bella girata al volo spedisce la palla all’incrocio. L’Akragas in bambola e l’Igea non si lascia sfuggire la ghiotta occasione, e cinque minuti dopo cala il tris con una punizione di Idoyaga dai 25 metri, mancino velenoso sul palo del portiere che s’insacca nell’angolino basso. Come se non bastasse, l’Akragas sotto di tre reti a zero, resta anche in dieci, Garufo già ammonito, entra in ritardo su un avversario, secondo giallo e doccia anticipata. Partita virtualmente chiusa, l’Igea sopra di tre gol e in superiorità numerica, si limita a gestire la partita, e va vicina alla rete del 4 a 0 con Medina. Ma all’85’ l’Igea trova la rete del definitivo 4 a 0 grazie ad una conclusione dal limite dell’area di Medina che sorprende ancora Elezaj. Non accadrà nulla fino al triplice fischio dell’arbitro.


Al triplice fischio, è grande festa per la dirigenza igeana e i supporters giunti allo stadio "Aldo Campo" di Ragusa, che vedono ripagata la lontana trasferta con la vittoria della Coppa Italia di Eccellenza, la prima nella storia igeana. Igea che non ha tempo per i festeggiamenti, infatti la truppa di mister Ferrara scenderà in campo nella difficile trasferta di domenica pomeriggio al "Marco Salmeri", per il derby contro il Milazzo.



Il tabellino e le pagelle Igeane


AKRAGAS (4-2-3-1): Elezaj; Gulino, Neri, Barrera (60' Dalloro), Lo Cascio; Brunetti (60' Briones), Garufo; Semenzin (76' Pavisich), Mansour, El Yacoubi; Vitelli (65' Noto). A disp.: Sansone, Mannina, D’Amico, Bonanno, Scozzari. All. Terranova.


IGEA (4-4-2): Staropoli 6,5; Franchina 7 (79' Garofalo 6), Dall’Oglio 7, Della Guardia 7, Verdura 6,5 (83' Russo); Biondo 7, Abbate 6,5 , Bucolo 6,5 Isgrò 7 (59' Presti 6,5); Idoyaga 8 (73' Aveni); Flores 6,5 (62' Medina 7). A disp.: Di Fina, Silipigni, Trimboli, De Gaetano. All. Ferrara 7,5.



ARBITRO: Patti di Palermo (F. Grasso-Corona). IV ufficiale Azzolina di Caltanissetta.


MARCATORI: 41', 53' Idoyaga, 48' Franchina, 85' Medina


NOTE: ammoniti Isgrò, Garufo, Verdura, Neri. Al 56' espulso Garufo per doppia ammonizione.

Comments


bottom of page