top of page

In una affollata Sala Ovale del Comune di Messina, si è svolto Sabato pomeriggio il convegno dal titolo “Ambiente, risparmio energetico, stili di vita sostenibili”

L’evento, organizzato dal Gruppo territoriale di Messina del Movimento 5 Stelle,rientrava nelle iniziative del fine settimana dedicato alla Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili

L’evento rientrava nelle iniziative del fine settimana dedicato alla Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, in cui il 16 febbraio si ricorda l’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto.


A moderare l'incontro è stata la giornalista Carmen Di Per, mentre ad introdurre i lavori è stato, Marco Oriolesi, collaboratore parlamentare, che ha ringraziato la deputata Angela Raffa, per il grande sostegno all'organizzazione. Oriolesi ha evidenziato come siano necessari eventi simili, per far luce sulle fake che quotidianamente circolano sui temi ambientali.


Nei saluti iniziali, il capogruppo M5S all’Ars, Antonio De Luca, ha sottolineato come “la tutela dell’ambiente è da sempre uno dei temi principali del M5S. Ma siamo in un momento difficile, in cui la Regione e il Governo hanno pensato bene di utilizzare gli 800 milioni di Euro disponibili per diminuire il gap tra Sicilia e resto d’Italia, costruendo gli inceneritori in Sicilia”. La coordinatrice provinciale del M5S Cristina Cannistrà, già capogruppo del M5S al Consiglio comunale di Messina, ha ricordato come, grazie ad una mozione d’indirizzo del Movimento, è stata istituita la delega assessoriale della Transizione ecologica, nonché approvata la promozione dell’Autoconsumo collettivo e delle Comunità energetiche.


Il rappresentante del Gruppo territoriale M5S di Messina, Francesco Pagano, ha annunciato di voler programmare incontri di interesse pubblico, proprio come questo,organizzato in brevissimo tempo, dopo la sua elezione avvenuta l’11 febbraio. “E quale tematica è più fondamentale dell’ambiente - ha detto Pagano - Un settore in cui Messina è sempre stata pioniera nella ricerca”.


Di seguito gli interventi dei relatori. L’avvocato Giampiero Trizzino, già deputato e presidente della IV commissione "Territorio ed Ambiente" all'Ars, ha fatto un excursus sulle leggi ambientali europee per passare, poi, alla realtà siciliana. Si è soffermato sulla questione rifiuti. “Il nodo centrale - ha dichiarato - resta l’inceneritore, che continua ad essere menzionato come soluzione strategica per una gestione virtuosa. Questo non solo mal si coniuga con gli obiettivi della sostenibilità ma, peggio, non risponde affatto al criterio DNSH e fa perdere l’opportunità alla Sicilia di avvalersi dei fondi PNRR”.


Molto critico anche sul commissariamento, che non sarebbe giustificato da un’emergenza sanitaria e ambientale, come richiesto. In disaccordo anche sui nuovi provvedimenti in materia di urbanistica, in particolare sulla sanatoria per le case abusive costruite entro i 150 metri dalla battigia.


Una voce diversa è stata quella dell’ingegnere Cristoforo Sapienza, esperto indipendente in Gestione dell'energia, che ha parlato del Green Deal , il piano europeo che ha l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030. Per lui si tratterebbe di “ideologismo europeo”. Dati alla mano, l’esperto ha dichiarato che l’Italia non è pronta alla transizione energetica, per le percentuali previste del 65% di energia rinnovabile e del 31% per i trasporti.


L’onorevole Luciano Cantone, segretario della IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera dei Deputati e componente della Delegazione parlamentare NATO, che ha fatto il punto su quanto è stato realizzato dai governi Conte, come l’istituzione delle Comunità energetiche. “Ho depositato una proposta di legge - ha annunciato Cantone - per le Comunità energetiche anche per le infrastrutture aeroportuali. Potremmo essere i primi e dare un forte segnale all’Europa”. “Le Comunità Energetiche - ha aggiunto - sono uno strumento che se attuato, ci potrebbe liberare dalle importazioni di gas e di energia nucleare”.


Sulla questione dei rifiuti, secondo Cantone, più che pensare agli inceneritori, “bisogna adesso lavorare molto sulla riduzione della produzione dei rifiuti”. "È necessario un piano di lunga durata - ha concluso - anche se in Italia non siamo abituati a programmare".

Comments


bottom of page