top of page

Le strade della provincia di Messina cadono a pezzi, ma si parla del ponte sullo stretto

Il ponte del Mela che collega Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo è destinato alla chiusura, l'uscita di Giostra verrà chiusa, e per chiudere in bellezza, i lavori di rifacimento del manto stradale sull'A20 tra Milazzo e Rometta sono stati stoppati. Ma per alcuni la priorità resta il ponte sullo stretto.

Il ponte sul torrente Mela è un vero paradosso, non è stato transennato ma esiste un’ordinanza ben precisa, emanata dalla Città Metropolitana in accordo con il Genio Civile che prevede l’immediata chiusura al transito veicolare, perché le condizioni del ponte sono fortemente compromesse. Nell’ordinanza sono state allegate anche le foto a supporto, che dimostrano lo stato di deterioramento in cui versa il ponte, quindi continuare a transitarvi non è una mossa corretta. Il cavalcavia dovrebbe rimanere interdetto al traffico veicolare per un anno, salvo ritardi nei lavori.


Ciò porterà a tantissimi disagi, soprattutto per la stagione estiva che verrà, questo non fa altro che alimentare le polemiche dei cittadini, oltre questo, si aggiunge benzina sul fuoco, per la mancata costruzione della bretella alternativa così come richiesta e proposta dal sindaco di Milazzo Pippo Midili. Una decisione, quella della chiusura del tratto della strada provinciale 75/b, dal Km. 0+550 al km. 0+650, che continuerà a suscitare il dibattito tra i cittadini di Milazzo e di Barcellona Pozzo di Gotto, maggiormente interessati dai disagi. I sindaci continuano a battere i pugni per cercare una soluzione al disagio, ma di certo i lavori sul ponte sono assolutamente necessari, visto lo stato di precarietà della struttura stessa.



Altro disagio per gli automobilisti, infatti, si allungano i tempi dei lavori per rifacimento della pavimentazione stradale dell’autostrada A20, nel tratto tra Milazzo e Rometta. L’incubo vissuto dagli automobilisti in quei chilometri di autostrada che li costringe a mettersi in coda data la restrizione della carreggiata durerà dunque ancora parecchi mesi. E con l’arrivo della bella stagione diventa una minaccia vera e propria. Succede infatti che da oggi si fermano i cantieri sul quel tratto di A20.


Le dichiarazioni della Tosa Appalti Srl

«Colpa del Cas attendiamo da mesi circa 16 milioni di euro dal Consorzio per le autostrade siciliane che non paga i diversi stati d’avanzamento lavori, nonché le somme per fronteggiare l’aumento eccezionale dei prezzi dei materiali da costruzione, dei carburanti e dei prodotti energetici previste dai decreti "Caro materiali 202" e "Aiuti 2022″, per un ammontare di circa 11 milioni di euro.


A cui vanno ad aggiungersi altri 5milioni, ancora non percepiti, per lavori sempre appaltati dal Cas e già ultimati da tempo. A rischio ci sono centinaia di posti di lavoro. L’impresa infatti è ormai impossibilitata a pagare gli stipendi agli operai e le fatture ai numerosi fornitori e subappaltatori, mettendo in seria difficoltà tutta la filiera di imprese coinvolte nella realizzazione dell’opera».



L'ultimo disagio trattato in questo articolo è dedicato al viadotto Ritiro, nel dettaglio lo svincolo di Giostra, a Messina, che verrà nuovamente chiuso con deviazione obbligatoria su Boccetta. È la conseguenza dell'ultima fase, si spera, dei lavori al viadotto "Ritiro". Dal prossimo 5 maggio, cambia, nuovamente, dunque, la mobilità e vengono modificate le condizioni di transito lungo la tangenziale nord di Messina attraverso l'apertura del bypass "Baglio" per far fluire il traffico senza interferenze con il cantiere.


Per circa 3,5 km e per almeno cinque mesi, tutti mezzi che viaggiano da Villafranca verso Messina saranno indirizzati nella carreggiata lato valle, dove sarà attivato un doppio senso di circolazione di tre chilometri e mezzo. Il salto di carreggiata avverrà all’altezza delle due gallerie Baglio che si trovano poco prima dello svincolo di Giostra. Per i primi 15 giorni del doppio senso, chi arriva da Villafranca, arrivato alla galleria Telegrafo, avrà due possibilità: la prima rimanere sulla corsia di destra ed essere obbligato, come succede adesso ad uscire allo svincolo di Giostra e, se vuole proseguire fino a Boccetta (ma solo fino a Boccetta) fare la rotatoria del viale riprendere l’autostrada e appunto uscire al successivo svincolo. Se invece si dovrà andare a Messina centro o proseguire in direzione Catania si dovrà utilizzare il bypass Baglio passare nella carreggiata opposta e utilizzare una bretella (San Corrado) che si trova dopo lo svincolo di Boccetta e proseguire il suo viaggio. Completato il bypass realizzato per consentire l’uscita a Boccetta da parte di chi viene dalla carreggiata opposta, inizia la seconda fase e lo svincolo di Giostra sarà chiuso per i lavori definitivamente.


I soliti disagi di che accompagnano quasi da sempre gli automobilisti della provincia di Messina, e che sembrano non passare mai. Da mesi si parla della grande opera del ponte sullo stretto, un'opera che potrebbe dare certamente slancio non solo alla provincia di Messina, ma a tutta la Sicilia. Sarebbe bello che insieme al ponte, venga fatta un'opera che sarebbe un vero toccasana per noi Siciliani, ovvero, autostrade sicure ed efficienti, fatto ciò, ben venga il ponte sullo stretto.

Comments


bottom of page