top of page

Milazzo: il pronto soccorso sarà trasferito momentaneamente a Barcellona

Lo annuncia il commissario dell'Asp di Messina, Bernardo Alagna.

Durante la seduta straordinaria del Consiglio comunale dedicata ai problemi dell’Ospedale di Milazzo con un focus sul pronto soccorso, che si trova nell’occhio del ciclone per l’eccessivo carico di prestazioni, che non garantisce il rispetto dei tempi per gli utenti costretti anche a rimanere per intere giornate prima di ricevere l’assistenza dovuta.


Al Consiglio era presente il Commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Messina, Bernardo Alagna, su richiesta dal presidente Alessandro Oliva, in risposta alle reiterate segnalazioni fatte in aula da diversi consiglieri, ed ultimamente da Lorenzo Italiano e Pippo Doddo.


La risposta del Commissario straordinario Asp, Alagna, almeno per il pronto soccorso è stata positiva, annunciando che con un progetto di 1.400.000 euro, con l’aggiunta di altre 150.000 euro, si è svolto un esperimento di gara, con lavori già aggiudicati e che avranno inizio nel prossimo mese di Novembre.



Le dichiarazioni del Commissario straordinario dell’Asp di Messina, Bernardo Alagna

«La struttura sarà necessariamente chiusa ed il personale farà servizio a Barcellona per 6 mesi, ma, a lavori ultimati ci sarà un pronto soccorso più grande, accogliente e funzionale, con la classificazione dei pazienti. Resterà nel nosocomio mamertino il pronto soccorso ostetrico, pediatrico e ortopedico. Il pronto soccorso versa in condizioni vergognose, e merita di essere chiuso subito.


L’Asp oggi non può sostenere gli impegni richiesti dal carico di 7 ospedali, che sono di gestione soprattutto. Spero che la politica faccia delle scelte immaginando una riorganizzazione delle strutture ospedaliere di Milazzo e Barcellona, anche in considerazione che sono quasi confinanti, e non giustificano il modo in cui sono strutturati i reparti».


Commenti


bottom of page