top of page

Omicidio di Rozzano: il killer è originario di Acquedolci

Si tratta di Benedetto Bifronte, 62 anni. Abitava a Rozzano da molti anni.

È originario di Acquedolci, il killer arrestato dai carabinieri per l’omicidio del dottor Giorgio Falcetto, il cardiochirurgo di 76 anni colpito alla testa con un’accetta nel parcheggio del Policlinico San Donato martedì mattina. Il medico è morto stamane all’ospedale San Raffaele di Milano, dove si trovava ricoverato, ieri sera.


il killer è stato identificato e fermato dai carabinieri immediatamente dopo i fatti e, in attesa della convalida davanti al giudice del Tribunale di Milano, è stato rinchiuso nel carcere milanese di San Vittore.


Davanti ai carabinieri ha farfugliato che non conosceva il medico che ha ucciso, poi ha cambiato versione, dicendo che il dottore gli aveva “fatto una flebo” mesi fa, ma non ricordava il suo nome. Ma nulla di quello che ha raccontato Benedetto Bifronte è appurato, almeno per ora, dalle indagini dei carabinieri.


Una versione confusa quella fornita ai carabinieri da parte del killer. Non esistono referti, circostanze che possano confermare la versione dell'uomo, 62enne di Rozzano, nato a Messina, pregiudicato per truffe e armi. Rimane da chiarire il movente del terribile omicidio.



La dinamica dell'accaduto

Giorgio Falcetto, medico 76enne, stava entrando al Policlinico di San Donato dove lavorava, era al volante della sua Chevrolet quando la macchina di Bifronte, un'Alfa 147, ha urtato di proposito la vettura del medico. Il dottore è quindi uscito ed è iniziata la discussione. A quel punto il 62enne ha preso un'accetta e ha colpito Falcetto alla testa, provocandogli lesioni gravissime. Il killer si è dato alla fuga ed è stato trovato dai carabinieri, a cui ha confessato il delitto.

Comments


bottom of page