top of page

Raffineria di Milazzo: in arrivo investimenti per 100 milioni di Euro

Cento milioni di investimento per la Raffineria di Milazzo.

Nonostante le incertezze economiche e politiche, la Ram continua ad investire e anche nel 2022, prevede di investire oltre 100 milioni di Euro con l’obiettivo dichiarato, da parte degli Azionisti, di continuare il percorso finalizzato al mantenimento degli standard di eccellenza raggiunti e di sostenibilità nel lungo periodo con particolare focus sui temi dell’efficienza energetica e della transizione energetica. E’ ciò che emerso nell’incontro annuale tra l’azienda, le organizzazioni sindacali, gli imprenditori e Sicindustria Messina.


Nel corso dell’incontro i manager della RAM hanno illustrato alcuni dei progetti incentrati al miglioramento dell’affidabilità e della performance ambientale con uno sguardo al futuro. Nell’ambito ambientale rientra la recente messa in servizio dell’impianto di trattamento di acqua di falda approvato dal Ministero dell’Ambiente che migliora la gestione ed il riutilizzo della risorsa idrica.


In uno scenario complesso e variabile, si guarda con interesse il tema dell’efficienza energetica con investimenti per ridurre i consumi energetici e la dipendenza dal metano. Nel piano degli investimenti, infine, una voce importante è dedicata alla transizione energetica.



Le dichiarazioni del Direttore Generale della RAM, Marcello Tarantino

«Una chiara testimonianza della fiducia degli azionisti nei confronti della raffineria e delle persone che vi operano e della loro volontà di continuare un percorso di eccellenza in uno scenario complesso che richiede da una parte il continuo efficientamento dei processi esistenti, ma parallelamente lo sviluppo di una transizione energetica sostenibile sotto l’aspetto economico, ambientale e sociale».



Le dichiarazioni del Responsabile Risorse Umane, Giuseppe Muller

«Nel biennio 2021-2022 la RAM ha portato a termine l’inserimento nel proprio organico di 43 nuove risorse, tra periti industriali e laureati al fine di garantire un adeguato ricambio generazionale, incentivato dai Contratti di Espansione, assicurando altresì la necessaria continuità di business. Il tema della valorizzazione delle competenze non si ferma tuttavia alla sola Selezione. Abbiamo continuato e continueremo ad investire sulla formazione valorizzando ancora più quelle competenze strategiche ai fini della transizione energetica, specie nell’ambito della Sostenibilità».

Comments


bottom of page