top of page

Torna la vergogna del "caro voli" per la Sicilia, oltre 300 euro per tornare a Natale

A lanciare l’allarme il Codacons, che ha realizzato una ricerca per capire quanto costi prenotare oggi un volo per raggiungere a Natale la Sicilia

Come ogni anno, con le feste Natalizie dietro l'angolo, torna la vergogna tutta italiana del caro-voli in Italia, con le tariffe dei biglietti aerei per le isole che registrano già evidenti picchi.


Ecco come il prezzo sia lievitato per volare dal Nord al Sud. Per volare a Catania partendo il 22 dicembre con un biglietto di sola andata, si spendono oggi un minimo di 206 euro, partendo da Milano, 231 euro da Bologna, 239 euro da Torino e 242 euro da Firenze.


Se si sposta la data di partenza al 23 dicembre, la spesa sale a 273 euro a biglietto partendo da Torino, 286 euro da Firenze. Per arrivare a Palermo imbarcandosi il 23 dicembre, la spesa minima è di 143 euro da Roma (sempre solo andata), 220 euro da Milano, 269 euro da Torino e addirittura 314 euro se si parte da Bologna.


E sulla questione l’associazione ha deciso di investire di nuovo l’Antitrust, che sul caso del caro-voli da e per la Sicilia ha già aperto una formale istruttoria proprio a seguito di un esposto del Codacons.



Le dichiarazioni di Carlo Rienzi, presidente del Codacons

“Presentiamo una nuova denuncia all’Autorità affinché intervenga sull’ennesimo rialzo dei voli aerei a danno di lavoratori e studenti che tornano a casa durante le feste.
Non possiamo non chiederci che fine abbiano fatto le misure del Governo introdotte col decreto asset e che erano finalizzate proprio ad evitare ciò che il Codacons ha registrato, ossia un aumento delle tariffe per i collegamenti con le isole durante un periodo di picco della domanda”.

Comments


bottom of page