top of page

Barcellona P. G., coppia di pusher arrestata. Sospensione del RdC


Barcellona P. G. - Sono stati fermati per un controllo nelle vie di Barcellona Pozzo di Gotto e sorpresi a trasportare droga. La coppia a bordo del veicolo bloccato ieri sera dai Carabinieri della Stazione del centro del Longano, supportati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Nicolosi, è stata arrestata in flagranza di reato, per detenzione illecita ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di un 48enne, già noto alle forze dell’ordine e la convivente 44enne, entrambi barcellonesi.

Essendo risultati percettori di reddito di cittadinanza, sono state avviate anche le procedure per la sospensione del beneficio.

I militari dell’Arma, all’alt intimato all’autovettura, si sono insospettiti dall’atteggiamento nervoso assunto dai due durante il controllo, procedendo, pertanto, alla perquisizione personale e del mezzo che ha consentito di rinvenire un involucro in cellophane contenente oltre 10 grammi di sostanza stupefacente di tipo cocaina, abilmente occultato nel vano porta oggetti.

I carabinieri hanno poi esteso la perquisizione all’abitazione dei conviventi dove, grazie anche al fiuto del cane segugio “King”, hanno rinvenuto altri 40 grammi di cocaina e circa 30 grammi di hashish, nella tasca di un giubbino riposto nell’armadio della camera da letto, nonché un bilancino di precisione, vario materiale per il confezionamento e circa 670 euro di denaro contante, in banconote di piccolo taglio, ritenuto provento dell’attività di spaccio.

La droga, è stata inviata al Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina per le analisi di laboratorio; l’autovettura, il bilancino con il materiale per il confezionamento e la somma di danaro, stati sequestrati.

I due, al termine delle formalità di rito, su disposizione del Sostituto di turno della Procura della Repubblica del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, sono stati trasferiti in carcere: l’uomo presso la Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto e la donna a Messina Gazzi.

Comentarios


bottom of page