"fRANCHITTO" PRENOTA UN POSTO ALLA PRIMA
blog teleespazio messina 611
Cerca

FOCUS ON PLAYER: Bruno Fernandes

FOCUS ON PLAYER, è questo il nome della nuova rubrica di Spazio Sport.

Ogni settimana la redazione sportiva sceglierà un giocatore da analizzare, mettendo al dettaglio dati anagrafici, carriera, caratteristiche, statistiche e curiosità del player in questione.


Il giocatore selezionato per questa settimana è Bruno Fernandes.




-DATI ANAGRAFICI

NOME: Bruno Miguel Borges Fernandes (Bruno Fernandes)

NAZIONALITA': portoghese

DATA DI NASCITA: 8 Settembre 1994

LUOGO DI NASCITA: Maia


Il suo ruolo è quello di centrocampista offensivo, e attualmente veste la maglia numero 18 dei red evils del Manchester United.



-CARRIERA

Cresciuto nelle giovanili del Pasteleria, poco più che diciottenne fu ingaggiato per ''soli'' 40 mila euro dal Novara, squadra con cui esordirà tra i professionisti nel 2012.

L'anno seguente, nel 2013, approda all'Udinese con cui farà il suo esordio in Serie A, con i friuliani giocherà 95 partite realizzando 11 gol.

Dopo 3 anni in bianconero Bruno Fernandes viene acquistato dalla Sampdoria, il portoghese in Liguria disputerà soltanto una stagione, mettendo a segno 5 gol in 35 presenze tra campionato e coppa nazionale.


La consacrazione definitiva del fantasista portoghese arriverà in madre patria con la maglia dello Sporting Lisbona, i bianco verdi si assicurano le prestazioni del centrocampista per 9 milioni bonus inclusi.

Con i lusitani giocherà due stagioni e mezzo ad altissimi livelli, vincendo nel 2019 la Coppa di Portogallo.

Nello stesso anno, riesce a diventare il centrocampista più prolifico dei campionati europei con 33 gol all'attivo.

Le prestazioni di Bruno Fernandes richiamano l'attenzione dei maggiori club europei, ad assicurarsi il talento portoghese è però il Manchester United, versando nelle casse dello Sporting Lisbona 55 milioni di euro, consentendo così, al club bianco verde di far registrare alle sue casse un'importante plusvalenza.

Con la maglia dei Red Evils, Bruno Fernandes continuerà a macinare record su record, infatti il portoghese a Old Trafford si consacra come uno dei migliori centrocampisti offensivi del panorama calcistico mondiale.


Dal 2017 è titolare nella Nazionale Portoghese, con la quale ha collezionato 27 presenze e 2 reti. Ha partecipato al Mondiale in Russia nel 2018 e ha vinto la prima edizione della Uefa Nations League, nel 2019.







-CURIOSITA'

Ha realizzato 31 degli ultimi 32 rigori calciati.

Nelle ultime 3 stagioni ha segato 86 gol tra Manchester United e Sporting Lisbona.

Primo giocatore ad aver ricevuto per quattro volte in un anno solare il premio di miglior giocatore del mese.

Centrocampista europeo più prolifico di tutti i tempi in una sola stagione.

Lasciò la scuola ad 11 anni per dedicarsi solo ed esclusivamente al calcio.

Ai tempi del Novara voleva abbandonare tutto perchè pativa la lontananza dalla famiglia.



-CARATTERISTICHE

Bruno Fernandes nasce come centrocampista centrale, ma le sue spiccate doti tecniche gli permettono di ricoprire più ruoli, tra i quali trequartista, seconda punta e all'occorrenza anche esterno d'attacco.

Il suo stile di gioco prevede l'alzare spesso la palla per servire la corsa dei compagni, nonostante la sua classe è un giocatore che non disdegna affatto i contrasti e il sacrificio nel recupero del possesso.

Il portoghese è un giocatore puramente offensivo, come dimostrano i suoi numeri, il suo piede preferito è il destro, ma se la cava bene anche con il sinistro dimostrando un'ottima mira.


-PUNTI DI FORZA

Passaggi filtranti

Assist

Freddo in zona gol

Tiro da lontano

Calci piazzati



-STATISTICHE

Presenze con i club: 375

Gol segnati con i club: 126 Assist con i club: 94

Presenze Nazionale: 27

Gol Nazionale: 2

Assist Nazionale: 4


-PALMARÈS

Club: Coppa di Lega Portoghese (2017/18 e 2018/19); Coppa Portoghese (2019)


Nazionale: Uefa Nations League (2019)


Premi individuali: Miglior giocatore Premier League (2019/20); Capocannoniere Europa League (2019/2020)





Piero Inferrera

Giuseppe Cannistrà

Foto: Sport Press