top of page

Messina, al Palacultura 700 studenti in ricordo di Giovanni Falcone


Una platea numerosa, questa mattina, ha assistito al Palacultura di Messina all’evento tenutosi per ricordare Giovanni Falcone e le altre vittime della mafia, organizzato dall’Associazione nazionale magistrati, Università, Ordine degli avvocati e Ufficio scolastico regionale Sicilia. Lo scopo dell’incontro era quello di far riflettere, su temi molto importanti come la legalità. L’evento, denominato "Il ricordo e la memoria di Giovanni Falcone’’, presentato dal giornalista Nuccio Anselmo, è stato utile anche per la presentazione del libro "Leggi qui - guida galattica e norma per adolescenti’’, scritto dal magistrato Giacomo Ebner. A seguito dei saluti istituzionali rivolti da Laura Romeo, presidente della sezione di Messina dell’Anm, e da Stello Vadalà, provveditore agli studi, hanno preso la parola, il delegato alla formazione dell’ordine Antonio Cappuccino, la nota attrice messinese Maria Grazia Cucinotta e il presidente emerito della Corte Costituzionale, Cesare Ruperto in video collegamento. Dichiarazioni forti, quelle dello scrittore Ebner, ripetutamente applaudito dalla folla di studenti: "Il diritto non è un'insidia, la legge non costruisce tranelli. Diritto e legge sono, piuttosto, gli strumenti di cui la nostra società, qualunque società, dispone per far sì che si possa convivere pacificamente, nel rispetto delle libertà di ciascuno. Il mio manuale ha l’ambizione di creare eroi vivi. La narrazione di Falcone e Borsellino - ha proseguito - va fatta sempre, perché bisogna trasmettere un messaggio prezioso ai nostri studenti. Il libro edito da Mondadori è molto introspettivo: numerosi i richiami alla vita di Ebner e importanti collaborazioni con artisti del calibro di Fiorello e della Cucinotta. L’attrice di origine messinesi, da remoto, ha raccontato il suo vissuto nel complicato quartiere di Camaro San Paolo, dando luce ad un’infanzia non particolarmente facile. Commovente anche l’intervento di Ruperto, che all’età di 97 anni si è lucidamente soffermato sulla valenza del diritto, della giustizia e sulla conoscenza utile a separare il giusto e l’equo dai loro contrari. La manifestazione si é conclusa con un dibattito presieduto da Rossana Casabona, componente della scuola superiore della Magistratura del Distretto di Messina. Interessanti i discorsi di Claudio Messina del liceo Maurolico, che ha affrontato il revenge porn, fenomeno sempre più dilagante, e Fabrizio Smiroldo dello Iaci, il quale ha parlato di libertà e dei suoi limiti. ​La memoria di Giovanni Falcone, sarà nuovamente onorata mercoledì 23 maggio, anniversario della strage di Capaci, alle ore 9,30 nell’aula magna del Rettorato.

Comments


bottom of page