top of page

Messina, lavoratori Zara, Stradivarius e Bershka in sciopero regionale pre-natalizio


MESSINA (23 dic) - Durerà per tutta la giornata di oggi la protesta contro il gruppo ITX Italia Srl consequenzialmente all’esito negativo della trattativa a livello nazionale dopo il sit in in occasione del Black Friday di un mese fa.

Un Natale per niente sereno quindi  per i lavoratori del gruppo ITX Italia Srl che gestisce noti brand come Zara, Zara Home, Stradivarius e Bershka.

Dopo l’esito negativo della trattativa a livello nazionale, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil Regione Sicilia, hanno inviato una comunicazione alla società, diffidandola anche dall’utilizzare, in sostituzione degli scioperanti, lavoratori somministrati e/o con contratto a tempo determinato, come previsto dalle norme vigenti.


“Le lavoratrici e i lavoratori lamentano il mancato riconoscimento di premi e diritti contrattuali - spiega la segretaria generale della Filcams Cgil Messina Giselda Campolo - l’azienda nonostante abbia dichiarato un utile del 41% in più rispetto al 2021 e si sia collocata al terzo posto al mondo per fatturato nel settore, non è disponibile a incrementare i salari tramite un integrativo che includa un premio di produzione per chi lavora nei punti vendita italiani e messinesi. Non siamo lavoratori di serie B, siamo noi a produrre i fatturati e chiediamo un contratto integrativo con questi aumenti che riconosca importanza alle risorse umane”. 


“Dopo tanti anni di sacrifici, chi ha lavorato sodo perderebbe una parte consistente di valore a livello integrativo”. Ha commentato il segretario generale Cgil, Pietro Patti, aggiungendo che trattandosi di una decisione unilaterale dell’azienda, non incrementa il costo del lavoro, a differenza di quanto avvenuto in altri Paesi, come la Spagna proprio qualche tempo fa. Da qui la richiesta dei sindacati di modifica del sistema premiale, incentrato piuttosto sull’utilizzo di un welfare uguale per tutti, senza distinzione tra full e part-time e tra le diverse insegne facenti parte del Gruppo.

Comments


bottom of page