top of page

Un pensiero su Messina-Campobasso: vincere potrebbe aiutare a vincere?


''Vincere aiuta a vincere'', senza dubbio è questa una delle frasi mantra utilizzate spesso nel mondo dello sport, la vittoria da morale, speranza e voglia di guardare al futuro con ottimismo. Quel futuro che proprio l'ACR Messina fino a poche settimane fa intravedeva in modo poco rassicurante, ma tra la nebbia dell'incertezza del cammino giallorosso, un abile ed esuberante comandante sembra stare indicando la giusta direzione.

Tuttavia il cambio di rotta dei giallorossi è stato evidente nelle ultime gare, infatti da quando Eziolino Capuano è sbarcato sul mondo Messina, sono sette i punti portati a casa, al netto di due vittorie, un pareggio, e una discutibile sconfitta contro la Juve Stabia; il tecnico di Salerno ha dato una scossa di elettricità che serviva come un'oasi nel deserto ad un ambiente ormai spento. La squadra sembra aver reagito bene al suo arrivo, e dallo scoramento che si aggirava fra le mura del 'Franco Scoglio' durante la gestione Sullo, con Capuano sembra essersi ritrovata quella compattezza di squadra e voglia di remar tutti nella stessa direzione, elemento imprescindibile per il raggiungimento di obiettivi ambiziosi.


Al 'San Filippo' è arrivato un Campobasso in ottima forma, squadra rivelazione di questo avvio di stagione con uno score in trasferta invidiabile, ma l'ACR Messina entra in campo assetata di vittoria, e dopo pochi minuti Adorante su una bella imbucata di Fofana, e complice anche l'errore del portiere, mette a segno il suo quinto gol stagionale, il primo tempo è tutto a tinte giallorosse, e il raddoppio arriva grazie alla botta vincente di Goncalves che fa 2 a 0 e chiude i conti, inutile la reazione durante la seconda frazione di gara da parte degli ospiti. Lewandowski dopo una gara positiva porta a casa il terzo clean sheet in campionato, vittoria e 12 punti in classifica per i ragazzi di Capuano.


Da sottolineare la prestazione dei giallorossi, infatti se dal punto di vista del gioco ancora molti meccanismi devono essere corretti, a sorprendere è stata la grinta sprigionata dai biancoscudati per portare a casa una vittoria contro un avversario che aveva perso in trasferta solo contro il Palermo con un netto 3 a 1.

Se il Messina ha sorpreso per la veemenza messa in campo, non si può sicuramente dire che il Campobasso abbia fornito una prestazione all'altezza, infatti gli uomini di Mirko Cudini sono apparsi spenti, le reazioni di pancia ma poco organizzate del secondo tempo non hanno comunque procurato particolari pericoli alla retroguardia giallorossa, solo Rossetti con un colpo di testa a botta sicura fallito da pochi metri, ha rischiato di far passare la palla oltre il muro eretto dal portiere del Messina.


Vincere potrebbe aiutare a vincere dunque, Capuano sta man mano curando le ferite di una squadra che poco tempo fa era letteralmente allo sbando, la missione adesso è dare continuità e uscire dalla zona play-out, lo sa bene il tecnico giallorosso che dovrà essere bravo ad evitare cali di concentrazione, la giovane età della rosa potrebbe comportare a rischi di questo genere. Toccherà ora rimettersi al lavoro per preparare la sfida in trasferta contro il Catanzaro, perchè vincere aiuta a vincere, ma il Messina ad oggi è ancora ai piedi della montagna chiamata 'salvezza'.


Piero Inferrera

Foto: Saya

Comments


bottom of page