top of page

Bilancio di fine estate sui risultati della campagna “Estate Sicura” della Polizia di Stato


Il bilancio della campagna “Estate Sicura”, voluta dal Questore di Messina Gabriella Ioppolo al fine di intensificare durante tutto il periodo estivo, l’attività di prevenzione generale e controllo del territorio dalla Polizia di Stato  per garantire  la massima sicurezza a turisti e cittadini è stata contraddistinta da due parole chiave che sono la prevenzione 

e il contrasto ad ogni forma di illegalità. 


Una presenza, quella della Polizia di Stato, spesso silenziosa e defilata, ma assidua e costante nel perseguire sicurezza, informazione, prevenzione Il progetto ha visto quest’estate in campo tante risorse ed i moderni strumenti a disposizione della Polizia di Stato per permettere a tutti di vivere serenamente la propria città.


Nel bilancio sono state 23.841 le persone e 10.076 i veicoli sottoposti a controllo nel corso dei quotidiani posti di controllo lungo le strade cittadine di ogni quartiere ed innumerevoli i servizi effettuati presso lidi, bar, discoteche e soprattutto nei principali luoghi di aggregazione. 

 

Specifici servizi antidroga di contrasto al fenomeno dello spaccio hanno permesso il rinvenimento ed il consequenziale sequestro di un cospicuo quantitativo di sostanza stupefacente destinato al mercato messinese e pronto ad essere smerciato, per un totale di oltre 35 chili di droga tra marijuana, crack e cocaina.

 

Durante l’estate sono state 68 le persone arrestate e 249 quelle denunciate all’Autorità Giudiziaria per i reati più disparati, tra cui furto, rapina, rissa e porto abusivo d’armi.

 

Nella cornice sopra descritta si inscrive l’intensificato uso degli acquascooter per la vigilanza dei litorali. Più di 1.500 miglia percorse lungo le coste delle principali località balneari durante una costante attività di pattugliamento non solo sullo stretto di Messina, ma anche a Taormina, Giardini Naxos, Patti, Capo d’Orlando e Lipari. Sono 5, inoltre, i natanti in difficoltà soccorsi nelle acque siciliane e condotti in salvo dalle moto d’acqua della Polizia di Stato.

 

L' estate appena trascorsa ha impegnato, inoltre, la Questura di Messina nei numerosi servizi organizzati per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, in primis per le delicate operazioni relative ai 9 sbarchi che hanno condotto all’identificazione, al fotosegnalamento ed alla collocazione di oltre 2.200 migranti soccorsi in mare. Parallelamente, gli immediati accertamenti di polizia giudiziaria dei Poliziotti hanno spesso consentito di risalire ai presunti scafisti indiziati del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 

Di seguito il link al video realizzato dal

Gabinetto di Polizia Scientifica di Messina. Un filmato che racconta con le immagini le attività quotidianamente svolte da donne e uomini della Polizia di Stato, professionisti della sicurezza e veri protagonisti, insieme ai cittadini, della campagna “Estate Sicura”.

 

Commentaires


bottom of page