top of page

Calcio: una bella Igea non basta, al D'Alcontres Barone passa l'Acireale

Il bel gioco non basta, l'Igea perde la prima in casa. Troppe occasioni sciupate e tante prodezze del portiere ospite hanno negato all'Igea 3 punti meritati.


Esordio amaro per i giallorossi di Mr. Pasquale Ferrara, che nonostante il dominio dell'incontro, sono costretti a cedere il bottino pieno all'Acireale, che ha saputo sfruttare lo scarso cinismo degli avanti igeani, ma sopratutto uno Zizzania insuperabile.


Ci sarà tanto da lavorare per i giallorossi, sopratutto in zona gol, visto le tante occasioni create, senza però concretizzare. Ottima invece la condizione atletica, con i giallorossi sembrati subito in palla. Da non dimenticare le assenze di pedine fondamentali come Gabriele Franchina, Alessio De Gaetano e Leone.


Bella la cornice di pubblico con oltre 1.700 cuori giallorossi a sostenere i loro beniamini, mentre gli ospiti potevano contare sul supporto di 150 tifosi provenienti da Acireale. Purtroppo a fine partita le due tifoserie sono venute a contatto, costigendo la Pubblica Sicurezza ad intervenire.



Racconto del match (Primo tempo)

L'Igea parte bene, al 3′ il primo spunto del match è di Longo: Zizzania blocca senza problemi il tiro dal limite dell’area. Sul fronte opposto Acireale insidioso con il traversone da sinistra di Savanarola, poi fermato in offside. All’8′ si libera bene Isgrò, la cui conclusione è troppo centrale: applausi convinti del pubblico locale.


Al 15′ Igea ad un passo dal vantaggio: Batista da posizione defilata non inquadra la porta, poi Russo calcia alle stelle.

Al 19′ ci prova dalla lunga distanza Della Guardia: il pallone si spegne di un soffio a lato. Al 23′ Longo si invola e calcia da fuori: Zizzania si rifugia in tuffo un corner. Il match è un monologo: al 26′ Biondo non inquadra la porta sulla punizione conquistata da Batista. Al 35′ si vedono gli ospiti con il grande scatto di Romano, che brucia il suo marcatore e si presenta tutto solo davanti a Staropoli ma viene fermato per un fuorigioco dubbio.


Al 42′ strepitosa serpentina di Isgrò, che si accentra e tira con il diagonale che fa la barba al palo per la disperazione della panchina barcellonese. Al 45′ fallo sulla linea dell’area di rigore ma per il direttore di gara è punizione, che Trovato calcia impegnando in tuffo Zizzania. Sfortunatissimo il centrocampista igeano, che nell’occasione si fa male alla coscia e chiede il cambio: dentro Abbate. Squadre al riposo sullo 0-0, che all’Igea sta decisamente stretto.



Secondo tempo

Due cambi nell’intervallo per gli acesi: dentro Montaperto per Savanarola e Stichenko per Di Mauro. Rivoluzione che sortirà qualche effetto dopo un primo tempo abulico. In avvio ci prova subito Della Guardia, ma la sua conclusione è un po’ strozzata e si spegne a lato. All’8′ Cannistrà lavora un bel pallone per Isgrò, che si invola sulla sinistra ma non riesce a chiudere il triangolo. Al 10′, al primo vero tiro in porta, passa l’Acireale: Romano è lestissimo a trovare il tap-in vincente nell’area piccola, con un inserimento fulmineo. Nell’azione la mancata chiusura di Russo, vittima (incredibile ma vero) di un altro infortunio. Punizione immeritata per l’Igea mentre i granata fanno festa.


Al 13′ i locali rischiano la frittata: retropassaggio troppo corto di Moi per Staropoli, che si salva in uscita di piedi; poi il pallonetto di Montaperto è troppo alto. Ma i barcellonesi hanno rischiato grosso. Il match cambia: al 19′ Romano percorre metà campo e impegna Staropoli in tuffo, poi Montaperto non riesce a trovare il 2-0. Igea graziata nell’occasione ma il portiere argentino è decisivo.


Match bellissimo anche grazie agli spazi concessi dalla due difese: sul fronte opposto ci prova da fuori area Longo, con Zizzania che si rifugia ancora in corner. Ferrara tenta il tutto per tutto: dentro anche Schinnea per Moi, un attaccante per un difensore. L’argentino si presenta con un colpo di testa sugli sviluppi di un corner, che si spegne di un soffio a lato. Al 33′ bella combinazione tra Montaperto, Romano e La Vigna, che calcia di un soffio alto dal limite dell’area. Dopo un primo tempo da dimenticare sta emergendo la qualità degli acesi. L’Igea è sbilanciata e al 43′ Maltese impegna severamente Staropoli, che si salva con il corpo sul primo palo. Al 47′ la punizione di Longo viene respinta dalla barriera. Al 50′ l’ultimo tentativo di Isgrò si spegne alto sulla traversa.



Il tabellino


IGEA (4-2-3-1): Staropoli; Filosa, Moi (66' Schinnea), Della Guardia, Batista; Trovato (45' Abbate), Biondo; Cannistrà (80' Yatoura), Isgrò, Longo; Russo (56' Nunez). A disp.: Tammaro, Nisticò, Silipigni, Aveni. All. Ferrara.


ACIREALE (3-5-2): Zizzania; Sirimarco, Maltese, Vaccaro; Tufano (68' Galletta), Di Mauro (46' Montaperto), La Vigna, Lucchese (95' Corigliano), Vanzan (76' Germinio); Savanarola (46' Sticenko), Romano. A disp.: Peschieri, Riso, De Mutiis. All. De Sanzo.


ARBITRO: Zangara di Catanzaro (Damiano-Bensorte).

MARCATORI: 55' Romano

NOTE: Ammoniti: Tufano, Sticenko, Galletta (A)


Comments


bottom of page