top of page

L’associazione Chirone torna in missione e va in Madagascar



Dopo tre anni di stop dovuto alla pandemia l’associazione Chirone di Messina torna in missione.  Oggi 29 agosto 2022 un gruppo di volontari sono in viaggio con destinazione Africa e precisamente, Tuléar, capitale della regione Sud del Madagascar, per una nuova missione sanitaria oculistica. I volontari sono i dott.ri Antonino Rizzotti, Giovanni Chillè, Salvatore Bellino e Federico Di Mauro. Sono previsti 70 interventi oculari e 1000 visite oculistiche.

L’Ente nato nel 1989, si autofinanzia grazie alle donazioni di ditte farmaceutiche, il contributo del 5 per mille e di fondazioni benefiche tra cui la Fondazione Bonino Pulejo e si occupa di attività sanitaria gratuita e volontaria nei paesi in via di sviluppo e da più di 20 anni di attività, ha realizzato soprattutto missioni oftalmologiche e in Africa, come in Eritrea, Nicaragua, Kenja e Costa D’Avorio, svolgendo oltre 16.328 visite, 1600 interventi e impiegando 142 volontari che hanno prestato la propria attività in maniera gratuita.

Un pensiero viene rivolto al sig.Giacomo Caprí che è stato anima e pilastro dell'Associazione lasciando nelle precedenti missioni grande entusiasmo, gioia e umanità ed anche, purtroppo, dopo la sua scomparsa un grande vuoto.

A portare avanti l’associazione con determinazione, il presidente, Dr. Oculista Antonino Rizzotti, avvalendosi della funzione del Dr. Christian Asaro, resp. relazioni esterne e del dr. Denaro lo Antonino, portavoce del presidente.

Il progetto solidale vuole essere uno strumento organizzativo per chi sente il bisogno di concretizzare la solidarietà con uomini e popoli provati dal sottosviluppo. Da un diario si leggono e si riportano delle parole che comunicano l’essenza che sta alla base dell’associazione: “Credevo di dare qualcosa a questo meraviglioso popolo ma mi rendo conto che ho ricevuto molto di più e porto con me sull’aereo il seme di una pianta, diffusissima nel Saharawi, che peró, anzi sono sicuro, potrà nascere anche nell’interno del profondo Sud. La pianta della solidarietà. E aspetterò, coltivandola, che sbocci il suo fare più bello , che da tempo nella nostra società è scomparso: il fiore della speranza”. 

La rete televisiva Telespazio ch. 89 è media partner dell’associazione

Comments


bottom of page