top of page

Le cause degli allagamenti stradali a Milazzo, in studio ad "Amara Terra mia" Pippo Midili


Una puntata di "Amara Terra Mia" dove in particolare sono state spese tante parole per comunicare lo stato attuale degli allagamenti stradali a Milazzo, in prospettiva di poter avviare soluzioni per la città che, oltre a non avere suddivisione di acque bianche ed acque nere è senza schema del sottosuolo e senza mappatura acquedotto e fognatura.

Il primo cittadino Pippo Midili, in occasione, esterna che a Milazzo persistono oneri di urbanizzazione non sanati e strade private ad uso pubblico mancanti di sotto servizi come convogliamento delle acque bianche, rete fognaria, e altri servizi, e il tutto purtroppo aggravato dalla presenza di tombini "a perdere" che scavati a 40 cm circa posso raccogliere limitatamente senza confluire in indotti.

Non di poco valore lo stato attuale del punto di confluenza a mare di Fiumarella del Torrente Mela dove le acque raccolte per mezzo di un’imbrigliatura da Bastione ad Olivarella venivano dirottate a Ponente, un'operazione non riuscita bene, con effetti nel corso del tempo, ed oggi anche accentuati da un’impermealizzazione del terreno, costruzioni e altre convogliature. Buone notizie per le risoluzioni perchè, seppure il primo progetto di convogliamento acque bianche, ovvero delle acque piovane e per eliminare gli allagamenti alla zona della piana sino alle porte della città di Milazzo, è del 2011, è stato portato ad esecutivo ed è allo stato, stato presentato alla Regione Siciliana, al commissario straordinario per la crisi del dissesto idregeologico ed è immediatamente cantierabile per 23 milioni di euro. Si attendono i finanziamenti che nei prossimi anni dovrebbero arrivare per il rischio idregeologico. ©



bottom of page