top of page

Le considerazioni: Messina-Palermo bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?


Doveva essere una partita complicata e lo è stata, meno complicata del previsto però, grazie alla capacità del Messina di reggere bene il mediocre urto rosanero, e di proporre un buon livello di gioco per tutta la partita.

Il match termina per 1 a 1, e alla luce delle occasioni create e malamente sciupate da entrambe le formazioni il risultato può considerarsi giusto.

Ma come già ampiamente si sa, il calcio è pieno di dettagli e sfaccettature da prendere in considerazione: come ad esempio il Palermo, una delle principali candidate alla promozione insieme ad Avellino, Foggia, Bari e Monopoli che fa una prestazione al di sotto delle aspettative, contro una neopromossa in un evidente ritardo di preparazione, e in fase di sperimentazione dal punto di vista tattico.


Alla luce di ciò per l'ACR Messina il bicchiere può considerarsi mezzo pieno o mezzo vuoto?


Se consideriamo che tra le fila giallorosse ancora non hanno esordito molti dei futuri perni della squadra come Milinkovic, che i minuti sulla gambe dei calciatori ancora non consentono di ricoprire un'intera partita, e che Sullo sta ancora sperimentando idee tattiche insieme alla squadra: il bilancio può essere definito ampiamente positivo ad oggi, aggiungendo che i biancoscudati hanno tenuto testa, e rischiato di trionfare contro una papabile vincitrice del girone.


Il bicchiere mezzo vuoto vede in primis la prestazione arbitrale, l'errore più evidente tra i tanti è stato sicuramente il rigore inesistente concesso al Palermo poi sbagliato da Floriano.

Nessun alibi però, la colpa dei giallorossi è quella di non aver avuto il 'killer istint' di chiudere la partita quando c'è stata l'occasione, soprattutto al minuto 87 quando Busatto a tu per tu con il portiere si divora un gol già fatto.


Il bilancio di questa prime tre gare è positivo, se consideriamo la turbolenta estate che ha attraversato la società di Sciotto, un'altra nota lieve sono stati i 300 tifosi giallorossi presenti a Vibo per sostenere la squadra.

Il Messina non è sicuramente la favorita per vincere il campionato, ma le basi per vivere una stagione su buoni livelli ci sono tutti, toccherà a Sullo e ai calciatori compattarsi e capire dove migliorare.


Piero Inferrera

Foto: Acr Messina instagram



Commentaires


bottom of page