top of page

Notte per la cultura: il centro storico rivive grazie all’Associazione Officina delle idee.


Piacevolissima serata nel centro storico per il 1° appuntamento con la notte per la cultura.


Numerose le persone radunate in piazza Marconi per le visite guidate nel centro storico partendo dalla p.zza Luigi Sturzo con la musica suggestiva di Armando Di Carlo e Alessandro Gerlando alla spiegazione, a cura dell’arch. Titta Costantino e al presidente dell’associazione Salvatore Quasimodo, Carmelo Buttò, dei ponti romani presenti sul territorio nebroideo con foto e disegni tecnici, nella P.zza Niosi.





Proseguendo verso la vecchia pescheria, l’accoglienza con un salotto a cielo aperto circondato da tele e acquerelli di pittori locali, Pasquale Nastasi, Pippo Namio, Giacomo Pantaleo e Diego Natoli, supportati da Simona Lunetta e Natalia Cimino dell’Associazione MuoviMente.



Al palazzo Baratta, sede del consorzio intercomunale Nebrodi, la mostra pittorica di Ilaria Caputo, “In Divenire”.


La villa comunale diventa scenario per la mostra dal titolo “La conoscenza della natura favorisce la crescita culturale e l’accoglienza”, mostra ricca di foto e teche nelle quali si trovano illustrati insetti, foglie, rocce, erbario, pennario, del nostro territorio, aiutati dalle spiegazioni esaurienti della presidentessa dell’associazione PFM, Elisa Mosca.




Sul belvedere di via Magretti, una curiosa, interessante e magica mostra, la fotografia astronomica di Carmelo Algeri, veri capolavori che ci fanno sognare, e, ciliegina sulla torta, attraverso la lente di un telescopio è stato possibile vedere Saturno con i suoi anelli.



Ultima tappa la piazza Scaffidi, dove nella cripta della chiesa di S.Ippolito la mostra fotografica di Nicola Buonomo di scorci incantevoli e davanti al palazzo Galvagno la musica coinvolgente dei ragazzi dell’Indiegeno Fest.


Appuntamento a Venerdì 5 per la scoperta di altri scorci della nostra cittadina, con performance, musica balli teatro e tanto altro.

Comments


bottom of page