top of page

Sant’Agata Militello, l’opposizione contrattacca dopo l’approvazione del bilancio



Il consiglio comunale di Sant’Agata Militello, nella seduta del 18.12.2021 in seconda convocazione, ha approvato il piano triennale delle opere pubbliche (che includeva il project financing del cimitero) dando il via libera al documento unico di programmazione 2021/2023 e al bilancio di previsione 2021/2023. Non sono mancati in aula e non mancano divergenze, confermate da una nota diramata alla stampa dai consiglieri di minoranza Nunziatina Starvaggi, Giuseppe Puleo, Antonio Vitale e Monica Brancatelli. Nella nota, questi si esprimono in disappunto alla diffida n. prot._39162 del 16/12/2021 del Commissario ad acta Giovanni Cocco nominato al fine di curare gli adempimenti relativi all’approvazione del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2021/2023 e con la quale, si avrebbe diffidato i consiglieri comunali alla votazione del bilancio e degli atti propedeutici e connessi, pena lo scioglimento del consiglio comunale. Secondo i consiglieri citati, la diffida sarebbe dovuta essere revocata in modo da procedere secondo quanto previsto dall’art. 3 e/o art. 5 del decreto di nomina e perché in violazione dell’art.120 della Costituzione. I consiglieri anticipano che, le posizioni giuridiche e le loro prerogative, saranno tutelate in tutte le sedi, anche penali, valutando l’opportunità di impugnare davanti al giudice amministrativo la diffida, la delibera del piano triennale e gli atti precedenti e successivi. A pensarla diversamente l’Assessore al bilancio Antonio Scurria, secondo cui “L’approvazione del bilancio di previsione consentirà, finalmente, lo sblocco di ingenti risorse finanziarie destinate ad importanti servizi sociali (fondo povertà e disabilità), investimenti, manutenzioni sui servizi a rete, pagamento di debiti fuori bilancio. I prossimi giorni saranno determinanti per riuscire ad impegnare tutti i fondi entro la fine dell’anno, grazie anche all’immediata esecutività della delibera concessa, con senso di responsabilità, dai consiglieri presenti in aula”.

Comentários


bottom of page