top of page

Fare calcio a Messina è impossibile: storia di un film già visto



Non è bastata una salvezza raggiunta con due giornate d'anticipo, non è bastato assicurarsi la permanenza in Serie C anche per la prossima stagione dopo anni di mediocrità dilettantistica. Fare calcio a Messina risulta ancora impossibile, e la cosa che più rattrista è che nessuno nel tempo è riuscito ad imparare qualcosa.


Nella giornata di ieri, un chiaro e diretto comunicato stampa diramato da Pietro Sciotto, mette nero su bianco l'intenzione del patron giallorosso di vendere la società. Il presidente non ha più intenzione di portare avanti l'incarico, e fino a questo momento non sono arrivate offerte concrete per l'acquisizione del club.


Non è arrivata nessuna proposta concreta, solo parole di circostanza e nulla altro. Tengo a dire questo per fermare qualsiasi polemica che possa nascere. A gennaio ho detto che avrei salvato il Messina e che, a fine anno, sarei andato via perché ritengo concluso il mio ciclo''.


Attraverso queste dichiarazioni, che lasciano veramente pochissimo spazio alle interpretazioni, si può capire che l'era Sciotto è giunta al termine. La domanda adesso sorge naturale: che ne sarà del futuro dell'ACR Messina?


L'unica cosa di cui si è certi, oltre al fatto che Sciotto vuole lasciare la poltrona da presidente, è che la società sta lavorando per salvare il titolo di Serie C. Tuttavia, al momento, qualsiasi tipologia di programma per la prossima stagione è rimandato a data da destinarsi, non c'è però molto tempo da perdere essendo che già molte squadre sono al lavoro per programmare il campionato che verrà. Il lato positivo presenta una buona base da cui partire, come calciatori già tesserati per diversi anni e una dirigenza che ha dimostrato di essere competente.


La sabbia dentro la clessidra scorre inesorabilmente e il destino del Messina è di nuovo appeso ad un filo. La speranza è che si avvicinino al club investitori che abbiano la voglia di riportare in alto il calcio in questa città con l'auspicio che anche le amministrazioni diano il loro contributo, non trattando più questo sport come oggetto propagandistico per attirare votanti.


Ennesima estate rovente si presenta all'orizzonte per i tifosi del Messina. Come l'anno scorso, la bella stagione finisce per essere un turbolento periodo di incertezza che avvolge il mondo giallorosso.


Pietro Inferrera

Foto: ACR Messina Facebook





Комментарии


bottom of page