top of page

Il borgo di Floresta (Me) è esperienza nel Festival "Le Vie dei Tesori" 2022



La provincia di Messina, anche in questa nuova edizione de Le Vie dei Tesori (tre weekend, dal 10 al 25 settembre), continua a mostrare con orgoglio la sua storia  recuperando memoria e senso di identità. Il Festival “Le Vie dei Tesori” il cui obiettivo è sviluppare progetti che valorizzino il patrimonio culturale per lo sviluppo delle comunità, mettendo in relazione istituzioni, associazioni, realtà di eccellenza per fare rete, nel programma, oltre i luoghi e le passeggiate tra le esperienze, inserisce anche in questa edizione il borgo nebroideo di Floresta che si svela e proprio li dove i ritmi scorrono lenti e si ritrova l’equilibrio tra uomo e natura, sopravvivono tradizioni di comunità di pastori, contadini e maestri d’ascia.


L’esperienza nel borgo più altro della Sicilia, in programma domenica 18 settembre 2022 a Palazzo Landro Scalisi con inizio alle ore 10:00, è a cura di AssoCea Messina APS presieduta dall’ing. Francesco Cancellieri, e può essere definita una giornata di educazione ambientale ed alimentare.


Il programma è stato presentato nel corso di una conferenza stampa, svoltasi in Prefettura, alla presenza del referente InFEA della Città Metropolitana di Messina, dott. Giuseppe Cacciola, e della componente del Comitato scientifico di AssoCEA Messina APS, avv. Silvana Paratore.

L’appuntamento di Floresta darà l’opportunità di far conoscere le tradizioni popolari del ricamo, dell’arte della cestineria, dei pastori e della produzione di provola DOP. Il calendario degli appuntamenti prevede la visione di due video, realizzati dal compianto Franz Riccobono sulle antiche tradizioni, che saranno proposti ai visitatori interessati ad apprendere le antiche arti e mestieri, una serie di attività quali le visite alle Chiese di Sant’Antonio e Sant’Anna, ai palazzetti notabili, alle collezioni naturalistiche ed alle mostre di insetti, allestite all’interno del Palazzo Scalisi, e le passeggiate alla scoperta dei punti naturalistici più suggestivi. 


L’evento è realizzato in collaborazione con la Città Metropolitana di Messina, il Comune di Floresta, l’Arpa Sicilia, la Pro Loco Floresta, il Ramarro Sicilia Sede Regionale, Natura Sicula Onlus, l’Associazione Insegnanti di Scienze Naturali di Messina, Futuri Cittadini Responsabili 2.0 e la Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea.

A conclusione dell’incontro, il Prefetto di Messina, dott.ssa Cosima Di Stani, ha ricevuto il Calendario Ambientale 2022 (www.calendarioambientale.it), composto da foto suggestive che non solo testimoniano gli importanti equilibri naturalistici del territorio ma si pongono l’obiettivo di promuovere il turismo sostenibile, il risparmio energetico e l’educazione ambientale. 


La Fondazione Le Vie dei Tesori ha le sue origini nel 2013, quando il gruppo di giornalisti e di operatori culturali che aveva ideato e realizzato per l’Università di Palermo sin dal 2006 il festival “Le Vie dei Tesori” costituisce un’associazione, una proposta nuova di marketing territoriale partecipato, basata sull’alleanza tra istituzioni, cittadini, realtà̀ produttive nel segno della cultura e della conoscenza.

Comentários


bottom of page