top of page

Il questore di Messina sospende la licenza al “M’Ama” alla luce degli ultimi episodi di violenza



Il questore di Messina ha sospeso la licenza al “M’Ama”  alla luce degli ultimi episodi di violenza. Sono stati diversi episodi ad essere segnalati alla Divisione P.A.S.I. della Questura di Messina e che hanno determinato accertamenti constatati essere in concreto pregiudizio per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Pertanto i poliziotti delle volanti hanno notificato il provvedimento a firma del questore di Messina dr.ssa Gabriella Ioppolo di sospensione della licenza per tenere trattenimenti danzanti presso il locale di via Consolare Pompea denominato “M’Ama”.

Il provvedimento previsto dall’art. 100 del T.U.L.P.S., impedisce, attraverso la chiusura temporanea del pubblico esercizio, il protrarsi d situazioni che rischiano di compromettere la sicurezza dei cittadini che si trovino in quel locale o che intendano semplicemente passeggiare nelle sue prossimità.

Il provvedimento scaturisce dall’attività istruttoria realizzata dalla Divisione P.A.S.I. della Questura di Messina, a seguito degli interventi da parte della Legione Carabinieri “Sicilia” Compagnia Messina Centro e dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Messina. 

In particolare, l’Arma dei Carabinieri ha accertato gravi condotte perpetrati al culmine di una violenta lite scaturita per futili motivi nel corso di una serata danzante all’interno del locale, che avevano condotto all’adozione di una misura cautelare in carcere per i reati di tentato omicidio e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Le volanti, invece, sono intervenute la notte dello scorso sabato 4 settembre all’interno e, subito dopo, all’esterno del locale, accertando la commissione di violente condotte di lite che avevano messo in pericolo anche gli altri clienti estranei al diverbio sorto, pure stavolta, per futili motivi.

 


Commentaires


bottom of page