top of page

Messina: domani il seminario sul Revenge Porn con i Prof. Carmela Mento e Francesco Pira

L’evento sarà introdotto e moderato dall’avv. Antonio Cappuccio. I due docenti dell’Università di Messina parleranno del loro ultimo libro “La Violenza in un click” discuteranno che Maria Adelaide Merendino e Rita Carbonaro del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine

Domani pomeriggio, lunedì 16 ottobre 2023, alle 16,30,  si svolgerà il seminario sul Revenge Porn, organizzato dall’Ordine degli Avvocati di Messina, presso il Dipartimento di Cultura e Servizi in via Venezian,43. L’incontro prende spunto dal libro “La Violenza in un clik” (FrancoAngeli) , fresco di stampa, scritto da due docenti dell’Università di Messina, il sociologo Francesco Pira e la psicologa Carmela Mento. Dopo gli indirizzi di saluto di Paolo Vermiglio, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Messina e di Angelo Crimi, Presidente del Comitato Pari Opportunità dello stesso Ordine, ad introdurre e moderare i lavori sarà Antonio Cappuccio, Delegato alla Formazione dell’Ordine. I due autori discuteranno con Maria Adelaide Merendino, Segretaria del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine e Rita Carbonaro, Componente del Comitato. Sono riconosciuti per gli avvocati, per l’evento 3 crediti formativi.


Il libro "La Violenza in un click", dedicato al fenomeno del Revenge Porn, la diffusione online. non consensuale di immagini e video intimi. Un fenomeno detto anche 'pornovendetta o revenge pornography. originato da alterate relazioni di coppia che trova oggi ampio margine in rete, dove queste immagini viaggeranno senza la possibilità di essere eliminate. Queste dinamiche conducono a forti disagi emotivi nella vita di chi ne è vittima e non sono rari i fenomeni di sofferenza mentale che presentano alto rischio suicidario.



Le dichiarazione dei Prof. Carmela Mento e Francesco Pira

“Ci siamo soffermati sulle vie da cui originano questi fenomeni in un'ottica informativa e preventiva che passa da una lettura sociologica del fenomeno di comunicazione social online, agli aspetti psicologici delle dinaliche relazionali e dell'intimità di coppia, fino ai risvolti giuridici e forensi. L'obiettivo è quello di consentire al lettore di riuscire a riconoscere modelli e atteggiamenti disfunzionali e prevenire dinamiche altamente lesive dell'immagine, della moralità e dell'intimità delle persone”.

La prefazione è firmata  da Gian Ettore Gassani, Presidente Nazionale e fondatore dell’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la tutela delle Persone dei minorenni e della famiglia),  la postfazione è di Paolo Capri, Presidente dell'Associazione Italiana di Psicologia Giuridica, Ordinario di Psicologia clinica Università Europea di Roma. Il testo è arricchito oltre ai lavori di Francesco Pira sull'estremizzazione delle relazioni online, e di Carmela Mento  dai contributi delle psicologhe cliniche Maria Catena Silvestri, Martina Praticò  e della Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica, Agata Spadaro, sulle alterazioni dell'intimità di coppia e le conseguenze psicologiche delle vittime di revenge porn, e di Maria Teresa Collica, Professore Associato di Diritto Penale del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Messina,  sulla risposta penale al fenomeno.

Carmela Mento è Professore Associato di Psicologia Clinica presso  l’Università degli Studi di Messina, Docente in Corsi di Studio delle Professioni Sanitarie. Psicologa e Psicoanalista ad indirizzo Junghiano, Consulente e Supervisore clinico presso l’Unità di Psichiatria del Policlinico di Messina. È autrice di testi ed articoli scientifici in tema di Diagnosi psicologica ed intervento riabilitativo in Salute Mentale e di genere.

 

Francesco Pira è Professore Associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi e insegna comunicazione e giornalismo presso l’Università degli Studi di Messina, dove è Direttore del Master in “Esperto in Comunicazione Digitale per la Pubblica Amministrazione e l’Impresa”. E’ autore di numerosi saggi e articoli scientifici sul rapporto tra pre-adolescenti e adolescenti e nuove tecnologie.


bottom of page