top of page

Messina: focus sul Catanzaro, prossimo avversario dei giallorossi

La squadra di Raciti ci ha preso gusto: 3 vittorie in altrettante partite. Merce prelibata e molto rara dalle parti del San Filippo. Per vedere i giallorossi vittoriosi in 3 match consecutivi bisogna ritornare alla stagione 2020/2021, anno della promozione in Serie C. Altra storia, altra squadra.


Grazie alle prestazioni dell'ultimo periodo, i biancoscudati riescono a smuovere la classifica raggiungendo 20 punti, il che significa -7 dalla salvezza diretta. Forse, il risultato che è andato ben oltre le aspettative è stato il 2-0 inflitto all'Avellino lo scorso weekend.

I ragazzi allenati da Raciti hanno disputato una gara di sofferenza, dimostrando compattezza e unità di intenti. Tutti, compresi i nuovi acquisti, sembrano essersi calati nella parte, e tutti sembrano remare nella stessa direzione. Il Messina pare abbia ritrovato anche quella solidità andata perduta durante la prima fase di stagione, quella stessa solidità che una squadra nei bassifondi della classifica deve assolutamente utilizzare come principale arma per affrontare le prossime partite.


Focus sul Catanzaro

A proposito di prossime partite, domenica prossima allo stadio San Filippo sbarcherà il Catanzaro. Francamente, trovare un difetto alla squadra di Vivarini, attualmente, è pura utopia. I calabresi infatti sono primi a 63 punti, figli di 20 vittorie, 3 pareggi e ben zero sconfitte. La casella dei gol segnati recita 62, mentre le reti subite sono soltanto 8.

I numeri spaventosi del Catanzaro fanno riflettere anche sul potenziale basso livello delle altre squadre presenti nel girone C di Serie C. Basta prendere come riferimento Reggiana e Pordenone, che guidano rispettivamente girone B e girone A, con quota 52 e 43 punti.

Nessuno ovviamente mette in discussione la straripante forza del Catanzaro, forse la squadra in assoluto più forte della Lega Pro di quest'anno. Importante però sottolineare anche l'incolmabile gap che le altre formazioni hanno nei confronti di Iemmello e compagni.

È proprio Pietro Iemmello, il calciatore a cui la difesa del Messina dovrà prestare maggiore attenzione. Per l'attaccante classe 1992 sono 15 i gol in campionato fino a questo momento (capocannoniere girone C, ndr). L'ex Foggia non è l'unica freccia pregiata nell'arco di Vivarini. Il Catanzaro infatti vanta altri calciatori di assoluta qualità come, Biasci, Vandeputte e Cianci.


Il Catanzaro di consuetudine gioca con un 3-4-1-2 o con un 3-5-2. In base alla tipologia delle partite, Vivarini decide di schierare un trequartista oppure un centrocampo tutto in linea e più difensivo. I calabresi prediligono molto la spinta sulle fasce, ma non disdegnano anche un fraseggio veloce e di qualità sulla trequarti campo. In tutto ciò il Catanzaro, per valore e caratura tecnica è una squadra che ama tenere il pallino del gioco in mano, dettando i ritmi del gioco per tutti i 90 minuti.


Il Messina dunque, dovrà prepararsi a una gara di sofferenza, dove forse servirà ancora più compattezza rispetto alla partita contro l'Avellino, per respingere la forza di fuoco del Catanzaro.


Pietro Inferrera

Foto: Catanzaro ig; Acr Messina Ig

Comments


bottom of page