"fRANCHITTO" PRENOTA UN POSTO ALLA PRIMA
blog teleespazio messina 611
Cerca

Messina: “L’estate addosso” il progetto del Comune per i giovani dai 16 ai 25 anni


Presentato ieri in conferenza stampa “L’estate addosso. Messina per i giovani#puntoeacapo2021#”, il progetto dedicato ai cittadini dai 16 ai 25 anni, “ai quali verrà offerto un percorso inclusivo nel mondo del lavoro per i mesi estivi”.

Presenti all’incontro il sindaco Cateno De Luca, il Vicesindaco Carlotta Previti, gli Assessori alla Pubblica Istruzione Laura Tringali, alle Politiche Sociali Alessandra Calafiore, alle Politiche Giovanili Enzo Caruso. All’incontro, hanno preso parte anche il presidente della ConfCommercio Messina Carmelo Picciotto, per l’Ambito Territoriale le dottoresse Agata Tringali e Rosa Zarelli, e rappresentanti di AGIME. Il Sindaco nel dare il benvenuto ai partecipanti ha evidenziato che “trattasi di un progetto importante ed innovativo, in quanto rappresenta una sorta di piccolo apprendistato che questa Amministrazione offre ai nostri giovani”.

La presidente Valeria Asquini per la Messina Social City in qualità di Azienda affidataria del progetto ha spiegato che “Offriamo per 2 mesi, a partire dal 10 luglio prossimo, la possibilità di svolgere un percorso inclusivo che avvicini i giovani al mondo del lavoro, attraverso l’erogazione di 650 borse di inclusione, con indennità netta per singolo ragazzo di 600 euro mensili. Si tratta di un progetto mai sperimentato a livello nazionale, studiato a lungo con il Vicesindaco Previti per offrire strumenti credibili di supporto indiretto alle famiglie e per la promozione di politiche di inclusione mirate all’apprendimento di competenze. La mission è rivolta anche agli studenti penalizzati, supportandoli in un percorso che mira contemporaneamente a valorizzare l’obiettivo preposto attraverso la creazione di nuove motivazioni e nuove collaborazioni al fine di ampliare i propri orizzonti, incoraggiando tutte quelle azioni che favoriscono la partecipazione nel contesto sociale per creare senso di appartenenza alla comunità e il riconoscimento del loro ruolo nel divenire quotidiano. L’azione progettuale vedrà l’attivazione di reti formali e informali con il coinvolgimento del partenariato pubblico e privato”.

Il sindaco De Luca è “particolarmente orgoglioso di presentare questa iniziativa perché rievoca il mio passato, quando da ragazzo ero orgoglioso di fare esperienze lavorative nel periodo estivo, perché mi davano la possibilità non soltanto di avere delle somme guadagnate con il mio lavoro ma al tempo stesso ero fiero di essere autonomo e consapevole di quanto e come spendere ciò che mi era stato retribuito. Ecco, proprio in quest’ottica abbiamo lanciato questo progetto sperimentale che, dal prossimo anno diventerà strutturale, per dare una risposta forte e chiara ai ragazzi della nostra comunità e a tutti coloro che rientrano nella fascia di età 16-25 anni, offrendo loro per questi due mesi estivi, attraverso un voucher di 600 euro mensili, coperto da oneri assicurativi, la possibilità di svolgere un percorso inclusivo nel mondo del lavoro presso tutte le aziende private, e pubbliche che aderiranno al bando.”

“Non posso che ringraziare – ha proseguito il Sindaco – il lavoro di squadra condotto in sinergia dal Vicesindaco Carlotta Previti e dagli Assessori presenti i quali ciascuno per le loro competenze hanno reso possibile, insieme alla Presidente dell’Azienda Speciale Messina Social City Valeria Asquini, al Comune di Messina il lancio di questo progetto pilota. Stiamo dando la possibilità ai giovani residenti nel nostro territorio di sperimentare una primo approccio al mondo del lavoro. La logica della nostra attività amministrativa, è ben lontana dalla visione di proseguire nell’erogazione del Reddito di Cittadinanza, in quanto si tratta pur sempre di forme assistenziali con risorse ‘bruciate’ in questi ultimi anni. E’ indispensabile garantire ai giovani non assistenzialismo ma offrire opportunità di inclusione, di essere avviati al lavoro, al fine di sensibilizzarli ad avere il senso di responsabilità sulla capacità di spesa sulla base di quanto guadagnato, poichè da ciò ne deriva il loro senso di appartenenza alla società e sicuramente una maggiore autostima di se stessi. È tutto ciò che contribuisce alla crescita non soltanto dei nostri ragazzi, ma dell’intero Paese”.

Il Vicesindaco Carlotta Previti ha riferito che si tratta del primo progetto che sarà avviato nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza con i fondi del Recovery Fund. “Siamo orgogliosi- ha commentato- il progetto nasce per avviare un percorso di inclusione dei giovani e rappresenta la ripartenza dopo questo periodo di lockdown che per i ragazzi è stato particolarmente difficile da vivere. Questa iniziativa è importante per dare maggiore responsabilità e autonomia ai giovani. L’avviso di adesione da parte degli enti interessati sarà pubblicato a breve, precisamente il 26 giugno prossimo”.

Nell’ambito delle Politiche Sociali, l’Assessore Calafiore ha ribadito l’importanza dell’essenza del progetto e della sua importanza di orientare i giovani al mondo del lavoro. L’Assessore Tringali ha esposto il suo punto di vista in merito invece alla partecipazione degli Istituti scolastici i quali daranno la possibilità agli studenti di effettuare un percorso lavorativo all’interno delle loro strutture, percorsi che daranno la possibilità di avere crediti formativi. “Il progetto oltre che di inclusione nel mondo del lavoro rappresenta per il settore didattico – ha detto la Tringali – una misura innovativa in più, in quanto auspico che l’approccio lavorativo sia un fattore deterrente per la dispersione scolastica, considerato che i ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni, rappresentano la fascia più a rischio per abbandono scolastico soprattutto in quelle zone più a rischio”.

L’Assessore Caruso facendo riferimento alla sua esperienza di educatore sia come insegnante che come scout ha sottolineato che “il progetto è finalizzato a sensibilizzare i giovani su alcuni punti importanti: nulla è dovuto, nulla è gratis, e che simili percorsi servono ad abituarli al lavoro e formare al tempo stesso giovani migliori, più orgogliosi e con più determinazione di se stessi”.